“Enzo Curcurù magistrale interprete della pièce di Emmanule Darley...

Il dialogo tra le due solitudini dà parole alla sofferenza di entrambi e motivi di riflessione allo spettatore, nel succedersi dei momenti diversi di un martedì qualsiasi, tra l'ironia e il dramma"

IL CORRIERE DI BRESCIA (leggi l'articolo)

 

 

“Per inchiodare il pubblico alla poltrona, specie quando si affronta un monologo, e un testo scomodo, bisogna avere un comprovato talento attorale. Enzo Curcurù lo possiede...ci restituisce una sorprendente interpretazione che va oltre il gioco scenico facendo emergere soprattutto un'intimità e una verità profondamente umana”

IL SOLE 24 ORE (leggi l'articolo)

 

 

“Curcurù lascia il pubblico senza fiato per un’ora, regalando una performance attoriale di straordinario livello. Con estrema naturalezza e impressionante intensità, coinvolge e trascina lo spettatore nella vita e nelle incomprensioni dei due, fino al tragico epilogo finale”

TEATRO.IT (leggi l'articolo)

 

 

"...lunghissimi gli applausi al termine per Enzo Curcurù, una rara maestria interpretativa in un lavoro arduo, difficile, riuscendo a conservare, in ogni passaggio, equilibrio, misura, una speciale, preziosa intelligenza teatrale"

LA GAZZETTA DI PARMA (leggi l'articolo)

 

 

“Il martedì al Monoprix è un regalo per chi desidera emozionarsi, vivere il teatro come esperienza d’arte e di vita. Fare teatro oggi è una prova di coraggio, un dono d’amore fatto di impegno, caparbietà e dedizione: Enzo Curcurù ha vinto questa grande sfida grazie ad un talento straordinario che, sulla scena, si fa autentica poesia”

PUNTO E LINEA MAGAZINE (leggi l'articolo)

 

 

“In un'ora di monologo l'attore fa entrare in punta di piedi lo spettatore dentro le mura domestiche dove si consuma un rapporto doloroso tra padre e figlia ...Un'ottima prova di attore, intensa, vibrante...”

TGCOM (leggi l'articolo)

 

 

“Enzo Curcurù dimostra in questo impegnativo monologo una grande capacità attorale. Entra nel personaggio mantenendone la dualità con convinzione e naturalezza.”

TEATRIONLINE (leggi l'articolo)

 

 

“Un testo notevole, quello di Emmanuel Darley, sulla transessualità nel quotidiano fatto di caffè e bucato, sapientemente giocato tra io narrante e dialoghi.Ottimo lavoro per Enzo Curcurù,  capace di rendere un dialogo tra padre e figlia sulla poltrona, passando dall'uno all'altra con minimi cambi di postura e direzionalità. Capace di costruire un personaggio solare, un'Amélie trans. Capace di spogliarsi, mettersi a nudo soprattutto metaforicamente.”

TEATROTEATRO.IT (leggi l'articolo)

 

 

“Un’occasione unica per vedere in scena ad una storia estremamente coinvolgente, interpretata in maniera magistrale dall’attore-protagonista, Enzo Curcurù”

PRISMANEWS.NET (leggi l'articolo)

 

 

"Il punto di svolta dello spettacolo è nell’interpretazione originale di Enzo Curcurù, che incarna su se stesso in piena adesione l’essenza della doppia personalità di Jean-Pierre/Marie-Pierre....L’attore nel suo doppio si sdoppia ancora una volta per dar vità ad un altro sé in un esercizio di stile: esile e delicato da una parte, violento e rude dall’altro"

MALACOPIA (leggi l'articolo)

 

 

La riuscita dello spettacolo sta tutta della straordinaria interpretazione di Enzo Curcurù. Intenso,sempre presente, poliedrico e fisicamente perfetto, calato perfettamente nel duplice ruolo figlio/padre  Curcurù trasforma ogni gesto e parola di Marie Pierre in una piccola opera d’arte.  L’attore domina e gestisce perfettamente lo spazio e la scena, riempiendola in ogni istante di una componente pienamente fluida ma allo stesso tempo fortemente carismatica e materica. Una perfetta sintesi di Maschile/Femminile che con grande naturalezza e ritmo si espande per tutta la durata della  pièce. Lo spazio diventa pieno, sfruttato, saturo.

LA NOUVELLE VAGUE (leggi l'articolo)

 

 

Laura Palmieri in studio con Rodolfo di Giammarco per la rassegna Garofano verde intervento di Enzo Curcurù al min 21.40

intervista di Giancarlo Leone

RADIO3 (asolta il podcast)

 

Videontervista con Clizia Gurrado e Monica stefinlongo a Lombardia Channel

LOMBARDIA CHANNEL (guarda il video)

 

 

Intervista su LEGGO